Cosa prevede la legge quando il defunto lascia qualche problema finanziario che può ricadere sulla famiglia?

L’eredità comprende un complesso di posizioni patrimoniali attive e passive, ovvero beni e debiti.

Chi accetta l’eredità semplicemente li accetta entrambi e subentra nella stessa posizione del defunto diventando proprietario dei beni ma anche titolare degli eventuali debiti.

Pensiamo ad esempio ad una casa su cui grava un mutuo da pagare. L’erede diventerà proprietario ma dovrà anche continuare a pagare le rate. Pensiamo anche al caso in cui vi sia del denaro sul conto corrente ma vi siano anche finanziamenti da rimborsare o debiti con il fisco. Chi accetta l’eredità li erediterà entrambi.

Prima di decidere come comportarsi rispetto all’eredità bisogna dunque valutare molto attentamente come è composta, facendo con calma tutte le opportune ricerche.

Fatta la valutazione, le alternative sono tre: accettare puramente e semplicemente, accettare con il beneficio d’inventario, rinunciare all’eredità.

Bisogna tenere presente che l’accettazione dell’eredità può avvenire anche tacitamente tramite comportamenti concludenti ed una volta accettata non è più possibile rinunciare.

Per ciascuna delle tre opzioni vi sono costi e conseguenze che se non perfettamente conosciute e valutate possono creare notevoli problemi agli eredi per cui è sempre consigliabile, prima di scegliere, chiedere un parere ad uno specialista.

Vieni a raccontarci la tua storia e ti consiglieremo ed assisteremo offrendoti la soluzione adatta al tuo caso specifico perché il lavoro di ciascun professionista del gruppo NEAR è di sostenere ed accompagnare il cliente nelle situazioni personali e professionali, anche quando occorre affrontare diversi aspetti interconnessi.